Intervista a Kris Barras, il rock di Death Valley Paradise su CronacaTorino

L'ultimo disco della Kris Barras Band è una potente celebrazione della musica

kris-barras-death-valley-paradise-cronacatorino
KRIS BARRAS- 2021 Photo copyright by JOHN McMURTRIE

Death Valley Paradise” era uno dei dischi più attesi della scena rock del 2022 e non ha deluso le attese. La Kris Barras Band ha regalato dodici canzoni dure, ma anche incredibilmente belle e profonde.

A parlarci di questo ultimo lavoro è proprio Kris Barras. Il musicista britannico, membro anche dell’incredibile Supersonic Blues Machine, ha raccontato il suo rock, l’amore per l’Italia e ha lasciato trasparire tutta la passione che guida le canzoni. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Kris, come stai? Ci racconti la tua estate?
Tutto bene, grazie. L’estate è stata fantastica. Abbiamo suonato in un sacco di festival incredibili, incluso il Download Festival nel Regno Unito. Siamo stati anche in Sardegna per un’apparizione al Narcao Blues Festival. È stato un weekend pazzesco.

“Death Valley Paradise” è un album molto potente. C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
È sempre difficile scegliere una traccia preferita da un album. In ogni pezzo c’è tanto tempo e tanta fatica che ti portano ad affezionarti per motivi diversi. Tuttavia, se dovessi sceglierne una, sarebbe “These Voices”. Quella è la mia “canzone di Natale” poiché ho iniziato a scriverla la vigilia di Natale e l’ho finita il 26 dicembre. La canzone non è affatto natalizia però!

La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Forse non ispirato, ma è stato un periodo incredibilmente difficile. Abbiamo dovuto cancellare un sacco di date italiane in quello che sarebbe stato il nostro primo tour da headliner e ne siamo rimasti davvero delusi.
Tuttavia, il tempo libero mi ha dato il tempo di sedermi e lavorare davvero sulla scrittura delle canzoni. Sono stato in grado di dedicare molto più tempo a quel processo e penso davvero che questo abbia giovato all’album.

Puoi dirci come funziona il tuo processo creativo?
Varia da canzone a canzone. A volte può prendere vita proprio come un riff. Altre volte posso inventare un testo e da lì le cose si intensificano. Cerco di mescolare i miei approcci alla scrittura di canzoni per mantenere le cose fresche. A volte scrivo un ritornello e altre volte il testo prima di qualsiasi musica.

kris-barras-death-valley-paradise-cronacatorino
KRIS BARRAS- 2021 Photo copyright by JOHN McMURTRIE

Adoro la canzone “Bury Me”. Come nasce la canzone? Da dove viene l’ispirazione?
“Bury Me” è una canzone sul tradimento. In realtà l’ho scritta come una delle primissime canzoni per l’album, ma non mi è mai sembrata giusta.
L’ho riscritta diverse volte ed è finita per essere una delle ultime canzoni che ho concluso per l’album. Sono contento di aver dedicato del tempo a questo perché mi piace molto come è uscito. Nell’album c’è uno dei miei assoli di chitarra preferiti.

Tornando su di te. Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare?
Ho iniziato a suonare la chitarra quando avevo circa 5 anni. Mio padre era un musicista e io sono cresciuto intorno alla grande musica. Quindi è stato radicato in me fin dalla più tenera età. Ho fatto il mio primo concerto in assoluto con la sua band quando avevo 9 anni.

Chi sono state alcune delle tue prime influenze?
Ho avuto molte influenze nel corso degli anni. Tuttavia il primo chitarrista che ho davvero ammirato è stato Gary Moore. Ho semplicemente amato il suo stile, la sua passione e la sua energia. Poi, quando sono arrivato all’adolescenza, ho scoperto Joe Satriani, Steve Vai e Andy Timmons. Quella roba mi ha fatto impazzire.

Qual è il prossimo capitolo per te? C’è un sogno che vorresti realizzare?
Voglio solo uscire e suonare il più possibile. C’è ancora un po’ di difficoltà nel settore a causa della pandemia, ma sembra che ora lo stiamo superando. Quindi mi piacerebbe fare molto di più nell’Europa continentale, compresa l’Italia.

C’è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?
Non credo di avere nessuno in particolare con cui mi piacerebbe lavorare. Mi piacerebbe fare un tour con una band come gli Alter Bridge però. Penso che sarebbe molto divertente.

Siamo italiani. Hai ricordi speciali riguardo al nostro paese?
L’Italia è uno dei miei paesi preferiti da visitare. Io e mia moglie amiamo il cibo e spesso scegliamo di venirci in vacanza. Con i Supersonic Blues Machine ho avuto la fortuna di suonare alcuni concerti in Italia e abbiamo registrato anche un album dal vivo lì. Tutto davvero speciale per me.

Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Grazie mille per il vostro continuo supporto. Vi voglio bene ragazzi e stiamo lavorando sodo per tornare in Italia il prima possibile. Speriamo presto.
(Alessandro Gazzera)

Foto: Photo copyright by JOHN McMURTRIE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here