Bob Curiano: “L’Italia mi manca. Fatemi suonare da Voi”

L'eclettico bassista americano si racconta a CronacaTorino tra Jazz, Rainbow e Italia

bob-curiano-italia-mi-mancaUn piacevole ritorno su CronacaTorino: Bob Curiano. L’eclettico bassista americano ci racconta le ultime novità dal suo mondo con una passione per il jazz e la voglia di diventare italiano. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Bob, come stai? Come procede l’estate?
Stiamo finalmente trascorrendo una bella estate in Connecticut. Non troppo caldo e non così tanta pioggia. Di solito piove molto in Connecticut e questo causa alcuni problemi di inondazione. Il tempo non è ancora bello come l’Italia. Suono anche la chitarra in molti posti con cibo e vino eccellenti. Mi trovate dei posti dove suonare come questo in Italia? (ride)

Come nasce “Sunny and Warm”?
Si tratta dell’Italia, ovviamente! È incredibile che l’inizio della canzone sia stato scritto più di 20 anni fa.
Quando il promotore radiofonico l’ha sentita disse che gli piaceva, ma che era troppo corta. L’ho finita a gennaio di quest anno. Spero che questa canzone vi dia la sensazione di una bella lunga giornata estiva. Semplice, felice e spensierata. È la mia stagione preferita e spero che la musica, la melodia, le armonie e le percussioni vi diano questa sensazione.

Come funziona il tuo processo creativo?
Il processo creativo è imprevedibile. A volte puoi farti un’idea molto facilmente e spontaneamente. Altre volte puoi lavorare e non succede nulla. Trovo che molte buone idee arrivino all’inizio della giornata quando la tua mente è chiara e non è preoccupata per tutte le cose che devi fare. Per me è difficile stabilire un programma disciplinato per la scrittura. “Fai attenzione perché potresti farti un’idea geniale mentre compri i pomodori al mercato.. Corri a casa in fretta!”

Hai progetti per il resto dell’estate?
Non ci sono troppe idee. Quindi forse è un bene restare a casa e prendersi cura del giardino.

 

Domanda difficile: la situazione dei Rainbow?
Nessuna novità. Se lasci una vecchia macchina ferma troppo a lungo, potresti non far ripartire il motore.

Facciamo un passo indietro e torniamo a te. Come inizia la tua avventura musicale?
C’era sempre musica e gente che ballava in casa mia quando ero piccolo. Mio zio mi ha regalato una fisarmonica quando avevo 7 anni, poi ho suonato il clarinetto.
C’era qualcosa di strano e speciale quando ascoltavo musica ed è stato emozionante. La parola francese è “frisson”. Esiste una parola italiana per questa sensazione? Sono i brividi quando senti o vedi qualcosa che ti dà piacere. Ho scoperto che non tutti possono provare questa sensazione.

Le tue prime influenze?
Tutto ciò che era fatto bene. Poteva essere una discussione intelligente, un esperimento scientifico o una performance potente. Un qualcosa in grado di motivarmi e cambiarmi: i Beatles.
Poi chiaramente ce ne sono stati tanti altri. Amo di più la buona composizione/scrittura. In termini di modo di suonare la chitarra, pensavo che Joe Pass e Jimi Hendrix fossero uguali nel loro impatto come artisti. Penso di aver preferito il jazz e il blues rispetto alla classica, ma è tutto fantastico.

Quale sarà il prossimo capitolo della tua carriera?
Forse continuerò a scrivere più jazz. Mi piace la direzione del mio nuovo singolo “Sunny and Warm”. Vediamo cosa succede.
Soprattutto devo rimanere motivato e invecchiando diventa difficile.

Hai qualche ricordo particolare legato all’Italia?
Ho tanti ricordi e mi manca essere lì. Un paese così piccolo che ha fatto così tanto per influenzare e cambiare il mondo.

Ultima domanda: un messaggio per i lettori italiani
Se conoscete qualcuno al Consolato. Ditegli, per favore, di aiutarmi a ottenere la cittadinanza! (ride)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here