Riqualificazione via Santhià Nichelino, iniziato abbattimento baracche abusive

20150107_161200_resizedDurante le vacanze natalizie sono partiti i lavori di demolizione e riordino dell’area di via Santhià, da tempo occupata abusivamente da baracche e ricoperta in parte da una discarica a cielo aperto.

 

Il Comune ha avviato la demolizione di alcune costruzioni irregolari, dopo che chi vi abitava dentro ha accettato di trasferirsi altrove. Ora nei prossimi giorni verranno impegnate le ruspe per raccogliere l’enorme quantità di spazzatura che insiste su parte della zona, ovviamente a spese del municipio.

 

Resta però ancora il nodo delle 15 persone di origine rom che abitano nella altre baracche. Sono residenti e il Comune ha intenzione di ricollocarli in un’area al confine con il comune di Torino, per poi abbattere anche quelle costruzioni.  Tra le persone coinvolte anche una ragazzina di 15 anni, incinta.

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Furto elettricità nomadi Strada della Berlia Collegno, la rubavano al Comune per usarla nel proprio campo

Controllo campo nomadi Torino, trovate armi e gioielli

Furto di rame Rivoli ex sede Tim, arrestati nomadi del Campo Lungo Stura Lazio

Massimiliano Rambaldi