Pc, cellulari, navigatori, Canon e Nikon rubati Torino, foto e contatti per visionare refurtiva

canonI Carabinieri della Compagnia San Carlo hanno denunciato un barbiere marocchino di 42 anni, abitante a Torino, per ricettazione. L’uomo, è ritenuto un insospettabile ricettatore nella zona di Porta Palazzo.

 

Nel retrobottega, i Carabinieri hanno sequestrato un notebook Samsung, modello np-n150, una macchina fotografica digitale Nikon, modello Coolpix l26, una macchina fotografica reflex Canon, modello eos400d, un navigatore satellitare, una bicicletta Legnano e un telefono cellulare marca “Wiko”, risultati oggetto di furti avvenuti nei giorni precedenti.

 

Per chi volesse visionare la refurtiva, si può telefonare al n.0116886000 dei Carabinieri della Compagnia San Carlo.

 

Gli arresti e le denunce effettuati nelle ultime ore sono il risultato di un’attenta e precisa attività di contrasto messa in campo dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Torino in tutta la provincia.

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Furti dentro auto Autostrada A4 Torino-Milano, agivano davanti agli autogrill

Refurtiva furti collina Torino, elenco oggetti e indirizzo caserma per visionarli

Furti bancomat Torino, banda usava anche chiavi clonate e combinazioni segrete

 

Massimiliano Rambaldi